La Sposa del lago

La Sposa del lago, romanzo d’esordio della scrittrice comasca Rita Bonfanti, pubblicato da Edizioni della Goccia,  è un affresco sensibile e amorevole della vita della bisnonna dell’autrice, Cecilia Gioconda Teodolinda Rossi.

La storia prende il via a Como nel maggio del 1891, mentre la protagonista Cecilia sta preparando le nozze col suo amato Alessandro, un semplice impiegato, un imbratacarta, come viene definito con disprezzo in famiglia, per giunta forestiero, molto distante dall’ideale di marito che suo padre Zaverio aveva sognato per lei.

“In un angolo della stanza la petineuse l’aspettava per l’appuntamento quotidiano della toeletta; prese la cadrega impagliata appoggiata ai piedi del letto e un attimo dopo era già seduta davanti al piccolo specchio sbrecciato.

Gli occhi erano scuri e penetranti, le guance tonde, la linea del naso perfetta. Con un gesto malizioso si sfiorò la bocca, usando il dito inumidito di saliva per far risaltare il rosso delle labbra: “Finalmente sono maggiorenne” bisbigliò soddisfatta.

Cecilia era molto bella, bella come il lago che l’aveva vsta crescere “

Il destino però ha in serbo per Cecilia qualcosa di imprevedibile e sarà ancora il lago l’incombente scenario dei cambiamenti che arriveranno nella vita della giovane donna, il giorno stesso delle nozze e ancora in seguito.

“Cecilia piangeva. Le lacrime, come perle trasparenti, rotolavano dalle guance al cuscino, dove sparivano assorbite dal tessuto della federa.

Un attimo prima, vinta dalla stanchezza, era sprofondata in un sonno breve e agitato. Senza sapere come, si era ritrovata sul pontile dei battellini.

Addosso portava ancora l’abito a sposa, nuovo come il giorno in cui glielo aveva consegnato la sarta. Per ripararsi dal sole, aveva aperto l’ombrellino di pizzo.”

La scrittura fluida e curata di Rita Bonfanti ci accompagna, pagina dopo pagina, dentro una storia di quotidiana umanità, ricostruita attraverso una ricerca storica capillare e puntuale, dove ritroviamo linguaggi, abitudini e personaggi del loro tempo, sullo sfondo dei magnifici luoghi resi già immortali da Manzoni. È la luce del lago, infatti, a illuminare Cecilia e le strade che conducono al suo mondo, a renderci spettatori sospesi e quasi increduli di vicende complesse e dolorose che lei riuscirà a superare con invidiabile forza interiore.

L’autrice: Rita Bonfanti è nata a Como nel 1960 e vive in Valle d’Aosta con il marito Marrco e i figli Carolina e Martino. Lavora presso l’amministrazione Regionale dove si occupa di malattie delle piante come responsabile dell’Ufficio Servizi Fitosanitari. Al suo attivo ha numerose pubblicazioni di carattere tecnico e divulgativo. Nel 2014 ha vinto il concorso letterario “Prossima fermata” con un racconto pubblicato da Edizioni Leima nell’omonima antologia. La sposa del lago è il suo romanzo d’esordio.

 

http://www.edizionidellagoccia.it/collane/giallo-grano/

 

Il commissario Aldani

Il commissario Aldani è il personaggio nato dalla penna di Michele Catozzi, protagonista di due romanzi pubblicati da TEA: Acqua morta e Laguna nera. 

E già dai titoli il lettore capisce che si troverà immerso con lui nella realtà di una città meravigliosa e complessa come Venezia, affannato tra le calli, salendo scale di palazzi monumentali e artistici, o a bordo di qualche motoscafo della Polizia di Stato, zigzagando tra i canali, alla ricerca di soluzioni che non riguardano mai solo le indagini dei delitti, ma anche le preoccupazioni per la vita quotidiana, sospesa, quella, non senza sofferenza, tra gli impegni di lavoro e la famiglia.

Il Commissario Aldani dunque non è un eroe, ma un uomo tra gli uomini, possiamo comprenderne e condividerne le reazioni, assecondarlo nei gusti; facciamo il tifo per lui quando litiga coi superiori o s’incavola coi collaboratori. I suoi casi restano tangibilmente connessi alla realtà del nostro tempo, come la corruzione che gira intorno alle opere pubbliche o al gioco d’azzardo, dove la laguna di Venezia, ancorché nebbiosa, a volte, e misteriosa, li rende comunque e sempre scenograficamente preziosi.

L’autore è capace di farci vivere con Aldani, più che raccontarcelo. Ce lo mostra attraverso la sua stessa voce, mentre si confronta con criminali e colleghi, e, al telefono, con la moglie, assillante e paziente come tutte le mogli, ispirata vagamente alla signora Maigret, perché diventa, come lei, un’icona, il punto fermo nostro e del protagonista, quella a cui rivolgersi in cerca di rassicurante normalità, quando la realtà sanguinosa ci farebbe soccombere a pensieri negativi, per ritrovare i valori semplici e fondanti delle nostre vite, una quotidianità fatta di traslochi, scuola e figli, dove l’orrore della morte non trova posto, ma resta sullo sfondo, routine senza significato. Così come nulla ha a che vedere coi pensieri magici e filosofici che fanno compagnia al commissario nei momenti passati sull’altana della vecchia casa veneziana, da cui in realtà la famiglia si è trasferita, ma che rimane per il protagonista il rifugio del cuore, qualcosa a cui non vuole rinunciare.

Oltre alla piacevolezza del personaggio di Aldani, i due romanzi sono molto intriganti e corposi, belli anche nella forma e, speriamo che trovino presto un ulteriore seguito, perché non possiamo più rinunciare alla Venezia di Michele Catozzi e a questo suo commissario così umano e capace.

L’autore: Nato a Venezia (a Mestre, per la precisione) nel 1960, Michele Catozzi ha vissuto a lungo in Veneto. Ha passato molti anni a Treviso, dove si è occupato di editoria e giornalismo. Dopo aver scritto diversi racconti, pubblicati in antologie e riviste, ha vinto l’edizione 2014 del torneo letterario IoScrittore con Acqua morta, il primo romanzo della serie che vede come protagonista il commissario Nicola Aldani, apparso in TEA, cui è seguito Laguna nera.

LA PASSEGGERA

“L’impossibile è sempre in agguato e la realtà è solo un inganno alla superficie delle cose, sotto la crosta c’è sempre l’inesauribile mistero del mondo” è scritto nella quarta di copertina de “La Passeggera”, romanzo di Daniela Frascati, pubblicato dalla Casa editrice Scrittura & Scritture.

Ed è proprio il mistero del mondo e dell’essere umano che l’autrice vuole mostrarci attraverso una scrittura curatissima e profonda, che si muove raffinata tra i personaggi, e le loro vicende, imbarcati sul transatlantico Il Paradiso, in navigazione verso il Nuovo Mondo.

Siamo nel 1914, alla vigilia della prima guerra mondiale. Sulla nave, insieme agli altri passaggeri, divisi per classi sociali, si trova anche Aquilina, una bambina strana, che sembra avere un immenso potere: comunica con gli uccelli fino a saperne orientare il volo.

Questa bambina, brutta e dall’aspetto sofferente, sarà al centro di un intreccio che coinvolge fino all’ultima pagina, e che trae forza narrativa man mano che il racconto si dipana, lasciando il lettore, a ogni nuovo capitolo, sempre più inquieto e smarrito. Incredulo.

Chi è Aquilina, da dove viene e cosa rappresenta resta l’interrogativo da porsi – al di là del racconto concreto e, comunque, raccapricciante, che l’autrice riesce a condurre con grande effetto – alla ricerca del valore simbolico che sottende ogni frase, ogni parola, e che ci ricorda come la malvagità con cui siamo costretti a fare i conti ci cammini di fianco, quella malvagità che raggiunge la sua più alta espressione nella sopraffazione e nella guerra.

La Passeggera è un romanzo consigliato agli amanti del gotico e dell’avventura, a chi apprezza una scrittura capace di descrivere sia il respiro della natura che la complessità dell’animo umano.

L’Autrice: Daniela Frascati, toscana di nascita, vive a Roma. È impegnata da anni nelle politiche della differenza di genere e nel sociale, anche come organizzatrice di eventi culturali. Collabora con vari giornali territoriali e ha ideato e condotto per Radio Città Futura una trasmissione dal titolo “Il Pane e le Rose”. Tra il 2005 e il 2012 ha pubblicato alcuni racconti in diverse antologie, accanto a nomi di calibro tra cui Camilleri, Carlotto, De Luca, Macchiavelli, Guccini, Morozzi, Marcialis. È del 2011, invece, il suo romanzo Nuda vita.

L’Editore: Scrittura & Scritture è una casa editrice indipendente, NOEAP, fondata nel 2006 da Chantal ed Eliana Corrado. Si distingue nel vasto panorama editoriale per l’accurata selezione e cura promozionale nella pubblicazione delle opere.
Tra i suoi princìpi fondamentali pubblicare non più di 10 novità l’anno, per assicurare a ogni libro la giusta durata e nella convinzione che il mondo editoriale non debba essere oltremodo ingolfato.
Pubblica narrativa: dal romanzo contemporaneo e moderno a quello storico, dal giallo al thriller e noir declinati in tutte le loro sfumature, senza tralasciare un genere un po’ trascurato come il racconto.

Ho pensato che

Solo gesti generosi e uno sguardo interessato verso chi soffre e non possiede nulla conserverà la nostra umanità. Vivere compensando l’egoismo col possesso di cose inutile, quasi sempre doppioni inanimati, ci renderà più infelici. Le nostre belle casette ben sistemate nelle nostre cittadine museo del nulla saranno via via sempre più vuote. Come le nostre anime.

index

A Pulixi, Tornaghi, Occhi, Simoni e Pellegrinetti il Garfagnana in Giallo 2016

A Pulixi, Tornaghi, Occhi, Simoni e Pellegrinetti il Garfagnana in Giallo 2016   Sono stati consegnati nello splendido scenario della Fortezza Montalfonso a Castelnuovo i premi del Garfagnana …

Sorgente: A Pulixi, Tornaghi, Occhi, Simoni e Pellegrinetti il Garfagnana in Giallo 2016

Io non leggo le donne, perché dovrei nasconderlo?

Care scrittrici, di fronte a questo stupro intellettuale, non siete voi che vi dovete vergognare…

libroguerriero

feltrinelli-ravegnanaCaro Direttore della Feltrinelli Ravegnana di Bologna,

la storica Feltrinelli sotto alle Due Torri cui tutti noi bolognesi siamo affezionati, la stessa Feltrinelli dove ho presentato con orgoglio tutti i miei romanzi, la stessa dove ho portato le mie classi per diffondere la lettura (e ricordo che proprio lei ha intrattenuto gli allievi, apprendisti lettori, con discorsi interessanti), dove ho presentato altri colleghi, dove ho acquistato credo – senza esagerare – centinaia di libri da regalare, se si contano gli ultimi vent’anni (la cifra non è iperbolica, tenendo conto che io regalo quasi esclusivamente libri)… dunque, dicevo, caro direttore, dottor Marco Bonassi, le scrivo a nome mio e – credo – di molte mie colleghe scrittrici, a seguito delle sue dichiarazioni rilasciate in quest’intervista apparsa su Repubblica. Quando la giornalista Brunella Torresin nota che lei non ha citato nemmeno un’autrice donna, ecco la sua risposta:

«Lo confesso, non ne…

View original post 585 altre parole

L’affare Mondadori-Rizzoli: l’analisi di Amleto De Silva e John Tevis

Qualche considerazione sull’affare Mondazzoli e il mondo editoriale.

TEVIS & PARTNERS

12115844_10207951965621898_7192119131376757906_n

John Tevis – Amleto, era inevitabile che l’acquisizione da parte di Mondadori di Rcs Libri facesse parlare quelli che amano il libro. Io ho cominciato ad amarlo meno, il libro, ma è un problema mio. Molti hanno detto la loro, spesso in senso negativo. Così, sul social sono seguiti i commenti ironici e di sufficienza degli addetti ai lavori: col sopracciglio alzato, le hanno definite discussioni da “neo-tromboni” che credono di saperla lunga, o hanno fatto notare che nella sostanza non cambia nulla, perché le sigle editoriali restano quelle e funzioneranno come prima.

Amleto De Silva – Non penso che amare meno i libri sia un problema solo tuo. Ti confesso che succede anche a me, che sono cresciuto a pane e libri. È che quando stai lì a discutere di distribuzione, acquisizioni, editing, chitammuorting, alla fine ti passa la voglia. Aggiungici pure che molti degli scrittori italiani sono dei…

View original post 1.287 altre parole